Monday, 13 February 2017

evolución vegetal - 10



L'albero vuoto:
Questo albero è davvero molto bizzarro e unico, si tratta di una pianta con un ciclo stagionale molto marcato e davvero speciale: in primavera nasce la pianta che genera subito una piccola foglia; dopo di ché inizia un ciclo attivo di circa 200 giorni in cui la pianta non si sviluppa in altezza, bensì si estende lungo una linea più o meno circolare appoggiandosi al suolo.
La crescita media è di circa due cm al giorno e mentre cresce la pianta genera foglie sulla parte superiore illuminata e radici sulla parte inferiore a contatto con la terra.
Con l'arrivo dell'inverno il cerchio si chiude e la punta della pianta arriva a toccare il punto di partenza, fondendo le due parti.
Durante l'inverno la pianta perde le foglie e interrompe la crescita.


Con l'arrivo del nuovo anno la pianta ricomincia un nuovo ciclo con un nuovo rametto che spunta sopra il punto d'inizio del ciclo dell'anno precedente.
Il nuovo anello comincia a una certa distanza da quello inferiore, circa 2 o 3 centimetri, questo perché le radici dell'anello superiore (simili a tentacolini come quelli di certe piante rampicanti, ad esempio la vite o il maracujá) si fondono con i gambi delle foglie secche dell'anno precedente, creando una specie di struttura ad anello sopraelevata.


La pianta va così crescendo, un cerchio all'anno e con il passare del tempo si crea una struttura a tubo solida e compatta, ma vuota e piena di fori regolari sul tronco.
Ogni anello produce foglie a distanze più o meno regolari, questo genera un aspetto molto verde durante la primavera e l'estate, visto che l'albero è interamente coperto di foglioline. Quando le foglie cadono i gambi rimangono fissi e diventano delle spine, simili a quelle del cactus che durano per vari anni.


Quando la pianta è sufficientemente matura (dopo almeno 15 o 20 anni) il tronco principale comincia a dare origine a delle ramificazioni laterali che crescono allo stesso tempo che si genera un nuovo anello nel tronco principale, come sempre.
L'anello del ramo che si va creando è più stretto dell'anello del tronco (circa 2m il tronco e circa 1,5m il ramo) per cui il ciclo di chiusura del cerchio è minore; il tempo "avanzato" da questo anello è usato per creare i fiori e i frutti.


Il frutto dell'albero vuoto è una specie di piccolo ananas circondato da lunghe foglie appuntite.
A partire dal momento in cui comincia a produrre rami, fiori e frutti gli anelli tendono a ridursi progressivamente per generare ogni anno frutti più grossi e succulenti.
Dopo molti anni di crescita l'albero vuoto diviene una specie di imponente cactus gigante che ad ogni stagione si ricopre interamente di foglie verdi, ma a discapito della sua stazza e della sua struttura solida e massiccia, l'interno della pianta è vuoto e tutto il tronco è forato.



No comments:

Post a Comment